Nothing endures but change

Il titolo di questo articolo è una nota citazione di Eraclito. Perché in inglese? Perché mi è capitato di leggerla così, di recente, in un libro che si proponeva di raccontare i vantaggi di pensare il software in un nuovo modo, in un modo che accetti una realtà che anche Eraclito conosceva bene: il cambiamento è una certezza e non un imprevisto. 

Continua a leggere…
Annunci

Umiltà

In scatola sei e in scatola ritornerai.

Fissando la scatola aperta dell’Albero adagiata sul marmo del salotto, senza palline, senza luci, decomposto nelle sue parti numerate, mi è venuta spontanea la professione di umiltà di cui sopra, che ho declamato a bassa voce, nel silenzio, rivolgendomi a lui, all’Albero, come se fossi il suo dio.

D’altra parte sono io che lo tiro giù dallo scaffale e lo creo, nudo, liberandolo dal cellophane in cui l’ho avvolto l’anno prima. Ho l’io consapevole e lo uso, mentre lui non sa neanche di essere un Albero di Natale. Ma non per colpa sua: è fatto così.

Continua a leggere…

Elogio dell’ignoranza

Il fatto che un pensiero si presti alle più varie interpretazioni, anche opposte tra loro – che non chiuda alcune questioni lasciandole, irrisolte, come eredità per coloro che verranno – è necessariamente un difetto di pensiero? Ogni pensiero deve necessariamente partorire concetti? Deve essere strutturato dentro un sistema coerente o non deve aver paura dell’incoerenza?

Continua a leggere…

Disordine

Il problema non è mai se cambiare o non cambiare, ma come cambiare. Solo che uno non lo sa, il “come”. Sa solo che tutto sembra fuori posto e allora comincia a mettere ordine. E’ un cambiamento dal disordine all’ordine, il mio, che ha bisogno del disordine, per cominciare.

Mi piace il disordine, mi serve per fare ordine. Se fosse tutto ordinato, non ci sarebbe nulla da fare. D’altra parte il posto delle cose e delle persone non è mai chiaro, intendo dire nel mondo. Non è come quando scrivi un romanzo e l’ordine del mondo lo decidi tu. Non è come quando racconti la vita degli altri – di quelli che vivono con te, non dico per pettegolare – dal tuo punto di vista.

Continua a leggere…